Logo

La lettera scritta dalla moglie di Mango commuove la rete!!

by / No Comments / 511 View / 9 Gennaio 2015

MangoUna lettera indirizzata ai fan del marito tragicamente scomparso lo scorso 8 dicembre. Così Laura Valente, moglie di Pino Mango, ha voluto dimostrare il suo amore per il marito improvvisamente scomparso. Ecco le sue parole “C’era magia nell’aria quando iniziava a cantare, fosse su un palco davanti a migliaia di persone, o al pianoforte in soggiorno, vicino al camino. E’ innegabile. Sapeva sprigionare un’energia potente e commovente. […] Mi sento in dovere di farmi forza e scrivervi, oggi, per la prima volta, in questo spazio, che non è il mio, ma nel quale, con la speranza di non essere invadente né irrispettosa, vorrei davvero riuscire in futuro a fare in modo che la sua opera venga sempre più valorizzata e considerata come merita (…) non ho ancora le idee chiare sul da farsi, ma vi prego di darmi un po’ di tempo. […] Un breve passaggio credo vada fatto anche riguardo la polemica sollevata dal video di Policoro, che ho visto e rivisto non so quante volte, nonostante fossi lì quella sera, per cercare di capire come mai nessuno di noi avesse capito, per cercare di capire se lui avesse capito, per cercare di capire se fosse giusto lasciare il video in rete o, in quanto unici eredi legittimi a tutelare l’immagine artistica e personale di Pino, pretenderne la rimozione immediata, come tanti di voi avevano auspicato. […] Cari amici, ancora non lo so. Una parte di me non tollera che i ragazzi possano vedere la morte del padre spiattellata pubblicamente, ma un’altra parte di me continua ad avere dei dubbi. Spesso Pino aveva detto a me e ai ragazzi, sorridendo: “Se mai dovessi morire, vorrei che ciò avvenisse su un palco, mentre sto cantando, mentre faccio il mio lavoro!”. E c’è riuscito, eccome se c’è riuscito. (…) In un mondo di volgarità, di falsi valori, di voce alta, di polemiche e maleducazione, mi sento di poter affermare che il finale del suo spettacolo è invece un raro esempio di bellezza, eleganza ed umiltà, come d’altronde lo è stata tutta la sua vita. […] Ringrazio il destino che mi ha fatto camminare al suo fianco per 30 anni, sono una donna fortunata. E spero, da oggi, anche una donna migliore, per il bene dei nostri figli”.

Your Commment

Email (will not be published)